Consapevolezza, saltami addosso

Il passato è passato. Ci penso costantemente. Avrei potuto fare di meglio. Avrei potuto fare di più. 

Il futuro non è ancora qui. Ci penso costantemente. Cosa fare? Dove andare? Non voglio certo farmi cogliere impreparata.

E adesso? Posso concedermi di fermarmi? Di guardarmi dentro? Di provare a capire chi sono e cosa voglio? Di scovare quell’idea dirompente che sicuramente è nascosta – o meglio, barricata – dentro di me?

Ho le antenne dritte. Ho cominciato a chiedere informazioni. Sto imparando a non presumere, a non dare per scontato, a rispondere: dipende. Ho letto che le competenze non si sviluppano spontaneamente, che bisogna diventarne consapevoli e valorizzarle. E allora, che mappe siano! Sommersa dai post-it lavoro alla mia proposta di valore. Progetto un’ipotesi di me e provo a divergere in attesa che le acque si facciano più limpide, che gli gnocchi vengano a galla. 

E che la serendipità, la transilienza e Limoges m’assistano!

Ah, dimenticavo, Jon Kabat Zinn mi ha letto nel pensiero quando ha detto: “La paura può essere quella di scoprire che siamo meno di ciò che crediamo, mentre la verità è che siamo molto, molto di più.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...